Close

12. Febbraio 2020

20 anni della rete europea di geopark (EGN)

Nel 2000, 4 istituzioni si sono riunite e hanno preso una decisione rivoluzionaria: il Geopark Vulkaneifel (Germania), il Museo di Storia Naturale dell’isola di Lesbo (Grecia), il Geopark Haute Provence (Francia) e il Parco Naturale Maestrazgo (Spagna) hanno fondato congiuntamente l’European Geopark Network (EGN).

Si trattava della protezione del nostro patrimonio storico terrestre, del suo legame con il nutur e la cultura, della mediazione e del valore turistico e dello sviluppo regionale sostenibile. E questo come un processo comune dalle rispettive regioni – un cosiddetto approccio “dal basso verso l’alto”, che prospera sul networking e sulla partecipazione. A quel tempo, nessuno avrebbe potuto immaginare quanto successo questa combinazione era: da 4 a 76 membri in 26 paesi europei entro 20 anni. E non solo questo: l’European Geopark Network è stato il modello di successo per l’UNESCO nel 2004 per la creazione del Global Geopark Network (GGN).

L’approccio olistico che i geoparchi stanno implementando nelle loro regioni è più che tempestivo in considerazione dei cambiamenti globali sul nostro pianeta. Il rispetto della natura, l’uso sostenibile delle nostre risorse, la conservazione, la sensibilizzazione, i partenariati e la comprensione internazionale fanno parte dei compiti a cui l’UNESCO Global Geoparks si impegna non solo in Europa, ma in tutto il mondo. L’Agenda globale 2030 sta diventando sempre più importante, poiché i suddetti compiti supportano già molti dei 17 Obiettivi globali di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Per questo motivo l’UNESCO ha designato i geoparchi in tutto il mondo come regioni modello – per la mediazione dell’Agenda globale 2030 sulla base di progetti e attività concrete e comprensibili sul campo.

Congratulazioni e, allo stesso tempo, calorosa grazie per 20 anni incredibilmente ricchi di nuove intuizioni, idee creative, sviluppi significativi, crescente fiducia e buone prospettive – questi sono i componenti di cui abbiamo bisogno in questo momento per plasmare il nostro futuro.

(Testo: Jutta Weber)

12. Febbraio 2020

Deixe uma resposta

O seu endereço de email não será publicado. Campos obrigatórios marcados com *